SCUOLA INAGIBILE, I DISAGI DEI DOPPI TURNI

108110928.jpgCAIVANO. Piove in classe. Si decide per i doppi turni. Un’ordinanza dei Vigili del Fuoco ha dichiarato inagibili alcuni locali posti al primo piano della scuola che si trova in via Gaudiello sulla provinciale per Acerra, situazione che ha fatto venire a mancare diverse aule, da qui la decisione di iniziare l’anno scolastico facendo i doppi turni. La storia di questa scuola parte da lontano. Le carenze strutturali sono note sin dall’inaugurazione. A causare l’intervento dei pompieri sono state delle infiltrazioni di acqua dal tetto che il dirigente scolastico del 2 Circolo Didattico, Flora Celiento, ha segnalato numerose volte all’amministrazione comunale sottolineando lo stato di insalubrità dei locali. Da tempo gli alunni del plesso erano costretti a convivere con bacinelle e macchie di muffa, disagio comunicato all’Amministrazione anche lo scorso 30 marzo, quando i tecnici responsabili della sicurezza hanno elaborato una relazione, corredata di foto, dalla quale si evinceva la critica situazione dell’edificio. In risposta all’insistenza della scuola, solo sporadici interventi di rifacimento dell’asfalto; invece di risolvere il problema, “mettevano una pezza” ed hanno peggiorato le cose, denunciano i genitori. Il Consiglio di Circolo, nella seduta di mercoledì 3 settembre 2008, ha perciò deliberato la riapertura della scuola con doppi turni ed orario ridotto, certamente non senza perplessità, infatti si sono riconvocati per fine mese per discutere di eventuali novità. «La cosa che più ci infastidisce – afferma Marco Lanzetta, presidente del Consiglio di Circolo e rappresentante dei genitori – è il fatto che una scuola come la nostra, aperta al territorio e potenzialmente in crescita, debba autolimitarsi perché mancano i locali. Siamo costretti a non acquistare beni strumentali per la scuola perché non sappiamo dove metterli. Ma la cosa più vergognosa è che accordi di potere hanno concesso parte della nostra scuola alla Provincia di Napoli per fargli insediare un liceo». Infatti il plesso di via Lanna, edificio sempre del 2 Circolo, è parzialmente utilizzato dal liceo scientifico, utilizzo concesso in via temporanea ma che non vede ancora via d’uscita. La concessione doveva essere limitata al tempo necessario per liberare i locali di via Diaz da parte del Comune, locali che l’ente locale ha lasciato ma che non sono ancora in possesso del liceo che persiste nell’occupazione del plesso di via Lanna. L’assessore alla pubblica istruzione, Simone Monopoli, assicura che entro pochi giorni il problema si risolverà. «Ho parlato con il mio collega Sabatino Peluso, il quale mi ha assicurato che i lavori di manutenzione relativi alle 4 aule termineranno il prossimo 15 settembre. Forse è stata una forzatura far fare i doppi turni, c’è il fatto che abbiamo ereditato dal governo cittadino di centrosinistra una scuola fatiscente, senza palestra e spazi esterni, ancora da completare». Al Comune starebbero valutando anche l’ipotesi di denunciare alla Procura della Repubblica di Napoli la ditta appaltatrice, scelta dall’allora amministrazione di centrosinistra, in quanto l’edificio, costruito relativamente da poco, presenterebbe crepe dappertutto.

 

Francesco Celiento

SCUOLA INAGIBILE, I DISAGI DEI DOPPI TURNIultima modifica: 2008-09-05T21:27:00+02:00da caivanesi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento